Blog

21 Marzo 2018

Le Rocce, le chiavi per leggere il passato e perché no la storia della terra

Letterio Cannao

Sarò breve, da parte mia credo sia fondamentale come scrisse Alfred Noyes nel 1925, che “queste rocce, queste ossa, questi fossili e conchiglie saranno toccati dalla bellezza e riveleranno all’uomo i segreti del libro della terra” e di questo ne sono certo.

Le rocce sono anche le pagine del libro della storia della terra, il principale oggetto della geologia storica è quello di studiarle, decifrarle e di porle nel loro precipuo ordine cronologico.

 

Un principio fondamentale volto a comprendere il significato dei processi geologici (principio di uniformitarianismo) fu enunciato da James Hutton 1785, egli infatti affermava “noi potremmo cercare il passato nelle cose che osserviamo sulla terra e potremmo leggere ciò che avvenne, nelle cose che accadono sotto i nostri occhi”

Possiamo osservare che le rocce, e particolari associazioni di queste, con riconoscibili peculiarità di composizione e struttura, derivano da processi che agiscono anche attualmente in ben definiti tipi di ambienti geografici e climatici,

Se si osserva che rocce appartenenti a età geologiche passate, hanno le stesse peculiarità e mostrano le stesse associazioni, si può supporre che si siano formate quando operavano analoghi processi, in ambienti simili.

Da tutto ciò cosa possiamo dedurre?

Che la presenza di coralli, fossili, o conchiglie di altri organismi marini in un calcare, indica che questo venne a formarsi sul fondo marino, e che ciò che ora è sopra la superficie del mare un tempo era sott’acqua.

 

Un altro esempio…

Una roccia calcarea può passare verso il basso, o lateralmente, a una argillite, un arenaria o a un agglomerato, quest ultimo può indicare una vecchia spiaggia e testimoniare quindi, un antica linea di costa.

 

 

Colate di lava, strati di salgemma, superfici rocciose levigate, striate, impronte di pioggia, in ciascun caso le caratteristiche delle antiche formazioni geologiche trovano un corrispondente in quelle rocce che si stanno formando attualmente.

 

 

Bibliografia:

D.Duff – Principi di Geologia Fisica. di Holmes-Piccin. 1998

Appunti Personali di Scienze geologiche, corsi di Petrografia, di Letterio Cannao

N.B: Le presenti note sono tratte dalla mia personale esperienza trentennale nell’ambito del recupero dei materiali lapidei.

Carbonatiche, Marmi , , ,
About Lillo Cannaò

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *